Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.
Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

Il D.P.R. 235 del 21 novembre 2007 ha introdotto nell’istituzione scolastica la sottoscrizione di un patto educativo di corresponsabilità finalizzato a definire in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica e famiglia. 

PREMESSO 

  • che la formazione e l’educazione sono processi complessi e continui che richiedono efficacia, efficienza, professionalità, competenza, organizzazione, economicità, relazione con il territorio e con l’utenza;
  • che la scuola, come organizzazione complessa, è l’agenzia di formazione primaria in cui si realizza l’apprendimento;
  • che la famiglia è la prima agenzia di formazione in cui si realizza l’educazione.

 LA SCUOLA 

propone il seguente Patto di Corresponsabilità finalizzato a definire in maniera puntuale e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica, famiglie e studenti. Il rispetto di tale patto costituisce la condizione indispensabile per costruire un rapporto di fiducia reciproca, per potenziare le finalità dell’offerta formativa e per guidare gli studenti al successo scolastico. La scuola e la famiglia, in qualità di agenzie formative primarie ed essenziali, si impegnano a sottoscrivere il seguente patto di corresponsabilità, con il quale:

 LA SCUOLA 

  • elabora un POF (Piano dell’Offerta Formativa) che garantisce iniziative e progetti volti a offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona, attraverso un servizio di qualità efficiente e trasparente in un ambiente educativo sereno e sicuro che assicuri il processo di formazione di ciascun alunno, nel rispetto dei sui ritmi e dei suoi tempi di apprendimento;
  • dispone di un Regolamento d’Istituto, ossia di uno strumento funzionale che fissa delle norme atte a disciplinare i rapporti tra tutte le figure operanti nella scuola (Dirigente Scolastico, Docenti, Direttore e Personale Amministrativo, Collaboratori) e gli utenti del servizio (le famiglie).

 LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A: 

  • prendere visione del POF (Piano dell’Offerta Formativa) e del Regolamento d’Istituto assumendo responsabilmente l’obbligo di osservarlo e l’impegno a sensibilizzare i figli al rispetto dello stesso;
  • riconoscere il docente come alleato nel perseguire la formazione del proprio figlio, mantenendosi disponibile al confronto costruttivo anche nel caso di punti di vista diversi;
  • manifestare fiducia e rispetto nei confronti del Dirigente Scolastico, della professionalità docente e del suo operato e di tutto il personale della scuola, sensibilizzando i propri figli ad assumere un atteggiamento adeguato e corretto, consono alla scuola;
  • riconoscere che il docente è un pubblico ufficiale il cui ruolo prevede la valutazione, il giudizio tecnico-professionale e il potere disciplinare sugli alunni in vista dell'esito finale del corso di studio e che l'esercizio delle sue funzioni non è circoscritto alle lezioni, ma si estende alle connesse attività preparatorie, contestuali e successive, ivi compresi gli incontri con le famiglie;
  • relazionarsi in maniera corretta e positiva con i collaboratori scolastici assegnati ai piani e in portineria e con il personale di Segreteria;
  • provvedere alla completezza del materiale didattico e del corredo personale necessari per il lavoro quotidiano in classe/sezione, sostenere e controllare i propri figli nel rispetto degli impegni scolastici e della puntualità in ingresso e in uscita;
  • curare la persona del figlio per quanto riguarda la salute e l’igiene personale ricordando la necessità di un abbigliamento adeguato all’ambiente scolastico;
  • partecipare alla vita scolastica in forma istituzionale, attraverso i rappresentanti (Consiglio di Interclasse/Intersezione, Consiglio d’Istituto, Colloqui individuali). 

LO STUDENTE SI IMPEGNA A: 

  • prendere coscienza dei propri diritti-doveri rispettando la scuola intesa come comunità di persone, come ambienti e dotazioni;
  • rispettare i tempi programmati e concordati con i docenti per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal curricolo, applicandosi in modo responsabile;
  • accettare, rispettare ed aiutare tutti i compagni, impegnandosi a comprendere le ragioni di tutti.

Nello spirito del Patto Formativo, ogni componente si impegna ad osservare e far osservare i principi sopraesposti sottoscrivendo  il presente Patto Educativo di Corresponsabilità

Roma, lì______________________________________       

Nome e cognome alunno:______________________________________________________________________ Classe:__________________ 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO                                                             FIRMA FAMIGLIA